Cementeria di Trani. Il "saggio breve" di Maria Angela Amato da Brundtland a Leontif

Maria Angela Amato, nata a Riccione e residente a Trani, ha pubblicato sul sito Agoramagazine.it un piccolo saggio avente come oggetto la cementeria che dovrebbe essere costruita a Trani. Di seguito vi proponiamo alcune parti dell'articolo e infine il link al quale potrete trovare l'articolo intero su agoramagazine.it. Noi riprendiamo le parti che riguardano in maniera più specifica la questione cittadina; un'altra voce che si aggiunge alle tante che si sono spese su questo argomento, da Legambiente, dagli agricoltori finendo con i dati forniti dal sindaco.


[...] 


La Natura muta irreversibilmente e si “vendica” dell’umanità. L’inquinamento è al 13° posto per le cause di morte, lo smog è la causa del 3% delle morti per malattie cardiache, del 5% dei tumori polmonari; l’esaurimento delle fonti energetiche e di materie prime ci riconduce alle apocalittiche leggi maltusiane.


Un probabile errore è dato dalla mancata considerazione dell’irreversibilità dell’accumulazione delle conoscenze nel processo di sviluppo umano. Ora l’ingenuità della definizione dello sviluppo sostenibile nel rapporto Brundtland sta nel supporre armoniosi rapporti tra le generazioni all’insegna dell’altruismo generalizzato. Ipotesi scarsamente plausibile anche sul terreno della giustizia sociale, dove il benessere delle generazioni presenti dovrebbe essere considerato complementare, piuttosto che alternativo, a quello delle generazioni future.


L’homo oeconomicus è razionalmente opportunista (free rider), quindi diventa difficile immaginare che, là dove non vi sia equità intragenerazionale-orizzontale, possa essere invece postulata quella a livello intergenerazionale-verticale. Il disinquinamento resta un bene pubblico difficilmente internalizzabile, se i consumatori fossero in grado di rilevare in modo veritiero le loro disponibilità a pagare per tale bene pubblico, il governo sarebbe comunque in grado di fornirne una quantità, politicamente determinata, che solo occasionalmente coinciderebbe con quella ottimale auspicata


[...]


Parlando dei cementifici, che sono impianti che generano un considerevole impatto sull’ambiente, essi devono possedere la VIA (valutazione impatto ambientale) e l’AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale), poiché strumento per la riduzione integrata dell’inquinamento prodotto dalle attività industriali ad alto impatto ambientale. Il Consiglio Comunale di Trani (BT), nel luglio u.s. ha approvato una variazione del PUG trasformando un’area da zona agricola a zona industriale, superando così il vincolo della limitatezza delle aree industriali a scapito delle produzioni agricole, per consentire l’insediamento di una cementeria. La normativa vigente consente alle cementerie di bruciare rifiuti speciali pericolosi e combustibile da rifiuti (CDR). I camini di un cementificio emettono polveri sottili ultrasottili (diametro variabile tra 10 milionesimi di metro a 2 milionesimi di metro) che si disperdono nell’aria anche per molti chilometri lontano dalla fonte emittente.


L’Agenzia americana Epa (Environmental protection agency) ha stimato un’emissione di pari a 0,29 miliardesimi di grammi di diossine, equivalenti per kg di clinker prodotto, nei cementifici che non utilizzano rifiuti come combustibili, e di 24,34 miliardesimi di grammi/kg, invece, nei cementifici che usano rifiuti come combustibile, in altri termini la combustione dei rifiuti in un cementificio comporta un’emissione di diossine moltiplicata per 80 volte, rispetto all’utilizzo dei combustibili fossili usuali. Inoltre l’Unione europea stabilisce che i prodotti agroalimentari (e i loro derivati) nel raggio di 15 Km da un inceneritore non possono avere il marchio Dop o Doc.


Un impianto industriale, come una cementeria, genera, quindi, emissioni d’inquinanti ed è perciò causa di danni alla salute umana, e in genere di esternalità negative. Impatti ulteriori sull’inquinamento atmosferico provengono dai mezzi del parco veicolare circolante che transiteranno (in questo caso sulla strada provinciale Trani - Andria) dopo l’apertura della cementeria (le emissioni pugliesi di polveri sottili originate dal trasporto stradale contribuiscono per circa il 16% al totale di emissioni di polveri sottili stagionali).


La salute è un bene primario e di natura pubblica, così come lo stato di Natura è finito e non agevolmente ripristinabile. Fitoussi (2008) non auspica la fine della crescita dei livelli di vita, per salvaguardare l’ecosistema propizio alla crescita economica, ma una contrazione delle ineguaglianze in modo che una parte meno considerevole sia accaparrata dai più ricchi (nord?) mentre i più poveri (sud?) “liberi dalle costrizioni del quotidiano” (disoccupazione, sottocapitalizzazione, basso livello del reddito procapite) possano tornare a pensare all’avvenire (messo in serio pericolo dalla mutazione di destinazione dei terreni agricoli e dall’inquinamento di quelli circostanti ... nel raggio di 15 km). Ci ripeteremo ma Coase sosteneva l’indifferenza della distribuzione dei diritti di proprietà tra inquinatori e inquinati: la collettività avrà ancora qualche diritto?


Connessa al problema cementificio è, inoltre, la regolamentazione delle attività di cava, ogni anno si estraggono tra inerti, sabbia e ghiaia, circa 142 milioni di metri cubi. In Puglia si estraggono circa 25 milioni di tonnellate, con introiti per i cavatori di oltre 300 milioni di euro e nulla è versato al territorio! La cementeria del gruppo Matarrese sarà ubicata nei pressi della discarica comunale sulla provinciale Andria-Trani. La Puglia smaltisce in discarica l’80% dei rifiuti solidi urbani! Un sacrificio delle bellezze paesaggistiche di Trani, definita “bomboniera dell’Adriatico”, dalla qualità di vita elevata; e se il nuovo cementificio risultasse anche funzionale allo smaltimento dei rifiuti pugliesi per le “difficoltà” politiche di aumentare la raccolta differenziata? Secondo quanto riferito dal primo cittadino di Trani, Matarrese si è impegnato a non far bruciare rifiuti ma clinker. Gli agricoltori hanno avanzato la richiesta di rassicurazioni sull’impatto ambientale che la cementeria potrà comportare, ed hanno insistito sulla questione del lavoro: la cementeria impiegherà circa 100 operai, ma a discapito del settore agricolo tranese, che probabilmente perderà 3000 addetti.


[...]


Il progresso tecnologico stenterà a mantenere lo stato di natura, e riguardo all’innesco di un processo di sviluppo sostenibile, considerando anche che l’aumentata produzione di cemento coinciderà con un momento di crisi e contrazione dei settori d’impiego, sorgono alcuni dubbi.


 


 


 


A questo link potrete trovare l'articolo per intero: http://www.agoramagazine.it/agora/spip.php?article12654

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Woodcenter

Notizie del giorno

Trani si prepara ad avere la nuova chiesa promessa: partiti i lavori per il tempio di San Magno Ruba furgone a Bari, la Polizia stradale di Trani lo intercetta ed arresta a Foggia Tragedia ferroviaria, dalla Procura di Trani altri avvisi di garanzia: i nuovi indagati, quasi tutti di Ferrotramviaria Trani, caso bimba disabile alla D'Annunzio: firmato il provvedimento per i lavori all'ascensore. Ancora niente nulla osta, alunna a casa da una settimana Carcere di Trani, il sindacato di Polizia penitenziaria denuncia: «Tre aggressioni ai nostri danni in pochi giorni» Discarica di Trani, Santorsola: «La Regione ha dato soldi e supporto, ma agire è compito d'altri. E non tollereremo ulteriori ritardi» Discarica di Trani, Cinquepalmi (Trani a capo): «Oltre l'inquinamento, il problema è non potere spendere i soldi vincolati della post gestione» Dipendenza dal gioco d’azzardo, incontro al Comune di Trani. A breve, presentazione degli interventi Manutenzione del verde a Trani, nuova potatura di pino in corso De Gasperi. Il precedente era stato completamente «spogliato» Trani-Andria, Unimpresa torna ad invocare il ponte a metà strada: «Qualcuno deve dare delle risposte» Sant'Antonio Abate, stasera la benedizione degli animali allo Spirito Santo di Trani "Parenti serpenti" di Monicelli sul palco dell'Impero di Trani. Protagonista, Lello Arena, divertente ed amaro Volley femminile, recuperi post maltempo: Aquila Azzurra e Adriatica Trani in campo quest'oggi Più che «studenti-avvocati»: Liceo scientifico e Foro di Trani praticano, sul campo, la legalità Donna scippata nei pressi dell'ufficio postale «Trani centro», carabinieri sulle tracce dei responsabili Altieri: «Io e il presidente Amato pronti per realizzare l'illuminazione allo stadio di Trani» Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana È in edicola il primo numero del 2017 de «Il giornale di Trani». I principali argomenti AGGIORNATO. Eurospar, domani l'apertura con 35 dipendenti. In totale, il gruppo ha assunto 100 persone di Trani Dialogo fra religioni, domani il via alla settimana ecumenica. A Trani, incontro cristiani-ortodossi il 24 gennaio a San Martino Francesco De Sanctis nel pensiero di Giuseppe Brescia: lectio magistralis giovedì prossimo nella biblioteca di Trani Prosegue a Trani «Scrittori nel tempo»: sabato prossimo, Mario Desiati Nella biblioteca di Trani grandi autori per «promuovere il piacere della lettura»: lunedì prossimo, Chiara Valerio Al Dino Risi di Trani venerdì 27 gennaio spettacolo di Cosimo Cinieri. Biglietti già disponibili Al "Comitato progetto uomo" di Trani tre appuntamenti per genitori in difficoltà. Prossimo incontro, il 13 febbraio Arriva il gioco dell'oca dedicato a Trani: ottanta caselle fra storia, arte e cultura. Idea e progetto della Fondazione Seca Dormirono in auto nei pressi dello stadio di Trani, poi un costruttore li ha ospitati gratis. Casa comprata, fra un mese dovranno uscirne: dove andranno? Problemi delle palestre di Trani, la Geda censura le uscite sui social dei tesserati: «Vanno concordate, ma le criticità si devono risolvere» Quattordici grammi di marijuana in due: la Polizia di Trani scopre e arresta un 21enne ed un minorenne Trani, caso bimba disabile alla D'Annunzio: l'ascensore funziona, ma manca della chiamata di emergenza. Già impegnata la spesa Tentato furto nella notte in sala scommesse di Trani: saracinesca e porta forzate, da verificarne l'esito Caso bimba disabile alla D'Annunzio, Ferrante (Pd Trani): «Lentezze degli uffici, chi ha sbagliato paghi» Caso bimba disabile alla D'Annunzio, Cinquepalmi (Trani a capo): «Bastano 2mila euro, ma sono bloccati da due mesi in Ragioneria» Per comporre «L'uomo dei miracoli» ne fa uno anche lui: se lo finanzia con il web. Trani, intuizioni e talento di Francesco Cioffi Le «Strane circostanze» sono anche le più belle: al Polo museale di Trani, successo per la presentazione dell'album di Antonio Bucci “Scrittori nel tempo”: a Trani la vita semplice e silenziosa di Antonella Lumini, «custode del silenzio»
PUBBLICITA' Labiancab