Trani, per una bambina ipoacusica la scuola è iniziata solo oggi: «La paritaria privata non l'aveva accolta». Il racconto dell'odissea

Si è conclusa positivamente la travagliata vicenda della piccola Martina, di 2 anni e 8 mesi, affetta da ipoacusia neurosensoriale bilaterale grave profonda, soprattutto grazie al prezioso intervento del primo cittadino di Trani, che, discretamente ed efficacemente, ha rimediato al problema sorto presso la scuola privata paritaria “Congregazione Suore Angeliche di San Paolo”, nei confronti della cui struttura i genitori della bambina già annunciano il ricorso alle vie legali, affidando mandato all’avvocato Maurizio Sasso. La storia.


A gennaio 2012 la piccola Martina veniva iscritta presso la scuola privata paritaria “Congregazione Suore Angeliche di San Paolo”.


In seguito a dei controlli sanitari, a marzo di quest’anno i genitori venivano conoscenza del fatto che Martina è affetta da una gravissima sordità bilaterale, per la quale a giugno è stata sottoposta al un primo intervento chirurgico di impianto cocleare.


Immediatamente dopo avere appreso della patologia, i genitori rivolgevano alla struttura scolastica gestita dalle suore, per informarla della vicenda ed ottenere conferma della disponibilità ad accogliere la bambina. «Dopo due giorni – scrive l’avvocato Sasso -, i responsabili della struttura confermavano ai genitori che non vi era alcuna difficoltà di sorta, assicurando la piena assistenza formativa ed educativa, sotto qualsiasi forma».


E così, confidando nelle rassicurazioni ricevute, lo scorso 18 settembre, con l’inizio dell’anno scolastico, i genitori accompagnavano Martina all’asilo e, in quella occasione, conoscevano l’insegnante/educatrice che si sarebbe occupata della bambina, offrendole qualsiasi aiuto nel caso ci fossero stati problemi di qualsiasi genere.


Il giorno successivo, ossia il 19 settembre, «l’insegnante informava la mamma del fatto che non se la sentiva di prendersi cura della piccola Martina – prosegue il racconto del legale -, perché la patologia di cui è affetta avrebbe comportato notevoli “responsabilità” di cui non intendeva farsi carico.


Il giorno seguente, i genitori si rivolgevano nuovamente all’insegnante e, direttamente, alla suora responsabile della struttura, assicurando loro che avrebbero potuto offrire tutto il proprio sostegno, materiale (in termini di copresenza in aula o di supposto o ausilio di qualsiasi genere) ed economico (mediante una eventuale contribuzione integrativa delle già gravose spese di retta scolastica), pur di garantire alla propria figlia la frequentazione dell’asilo, sollecitando altresì la scuola privata ad interessare le strutture pubbliche preposte, per ottenere l’insegnante di sostegno prevista dalla legge per i fanciulli affetti da disabilità.


Tuttavia, «alla “Congregazione Suore Angeliche di San Paolo” – riprende l’avvocato Sasso - ogni preghiera è rimasta, però, inascoltata. Nonostante tutto, la piccola Martina è stata esclusa dalla scuola, con la seguente “formale” motivazione: “Date le condizioni fisiche della bambina non possiamo assumerci  la responsabilità durante la sua permanenza, senza un tutor personale”. Questa situazione, dai risvolti paradossali – prosegue il legale -, si è ulteriormente aggravata quando, lo stesso giorno in cui la bambina non è stata accolta dalle suore, i genitori si sono rivolti alla struttura pubblica, sperando nel suo inserimento, sia pur tardivo. Pur avendo apprezzato un’elevatissima sensibilità, competenza e professionalità nella cura di bambini, in particolare di quelli affetti da disabilità simili a quelle della piccola Martina, la definizione delle dotazioni organiche e degli assetti strutturali impediva ai responsabili della struttura scolastica pubblica di accogliere la piccola Martina. Ovviamente – considera Sasso -, se la bambina fosse stata iscritta prima, e quindi se le suore avessero comunicato prima che non avrebbero accolto una bambina disabile, Martina avrebbe trovato agevolmente una collocazione nelle strutture pubbliche, con tutta l’assistenza che la legge riconosce in favore dei bambini affetti da disabilità».


In tale situazione, tuttavia, il tempestivo intervento dell’amministrazione comunale, di concerto con l’Ufficio scolastico regionale, ha posto fine a quella che Sasso definisce «un’ingiustizia sociale sostanziatasi in una vera e propria discriminazione, consentendo che la bambina, pur se con quasi due mesi di ritardo, è stata inserita in una struttura scolastica per l’infanzia pubblica, a riprova del fatto che, spesso, le strutture scolastiche pubbliche sono migliori, e di molto, rispetto a quelle private “paritarie”, che però di paritario hanno ben poco». Per la cronaca, la bambina frequenta la scuola per l’infanzia “Collodi”, presso il secondo circolo didattico.


Abbiamo contattato le Suore angeliche per ascoltare la loro versione: essendo possibile ottenerla solo previo incontro personale, l’appuntamento ci è stato fissato nella mattinata di domani.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' RealSuole

Notizie del giorno

Trani, sopralluogo ad una cava privata nei pressi di contrada Monachelle dopo segnalazione di un cittadino sui social Trani, incidente domestico fatale: ritrovato il corpo di un 46enne a quattro giorni dalla scomparsa Trani, bottiglia incendiaria tra via Bebio e via De Cuneo Primo circolo: al plesso "Dell'Olio" di Trani la scuola si autofinanzia i lavori di miglioria e l'impianto di allarme La stessa fattura addebitata due volte: Amet Trani, brutta sorpresa per gli utenti del Rid. Cosa accade adesso Risse e bullismo nel centro storico di Trani, Barresi: «Piazza Teatro è ostaggio di ragazzini terribili: cosa si aspetta per ristabilire la sicurezza?» Dialoghi, Ferruccio De Bortoli firma l'ultimo preludio: sarà ospite, questa sera, a Palazzo Beltrani Irene Antonucci, di Trani, sarà la conduttrice di due programmi televisivi BorgoBeltrani, il magico bed and breakfast a due passi dalla cattedrale “Alma, the loveliest girl in Vienna”: spettacolo per voce e pianoforte oggi a palazzo Beltrani Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Trani, questa notte disinfestazione aerea Apulia Trani, tesserata Giuseppina DiBari, conferme per Spallucci, Chiapperini e De Marinis Polo museale di Trani, riprende domani il ricco programma dei Dialokids Toti e Tata a Trani giovedì prossimo, alle Lampare al fortino, per la "Cena delle beffe" Iat di Trani, le iniziative di settembre. Venerdì prossimo, concerto per chitarra e violino Venerdì prossimo al Santo graal di Trani tributo a Claudio Baglioni Sabato prossimo apertura straordinaria dell'Archivio di Stato di Trani con conferenza su turismo e cultura Polo museale di Trani, la mostra dei Dialokids sarà fruibile fino al 17 ottobre Polo museale di Trani, riprendono gli appuntamenti in musica. Domenica 24 settembre, la storia del blues Lunedì prossimo a Trani presentazione del libro "Una storia nera", di Antonella Lattanzi Trani, montato alla Bovio il montascale a cingoli per il ragazzo con difficoltà di deambulazione Investimento sui binari, circolazione sospesa fra Trani e Barletta Trani, tentato furto con scasso alla Q8 di via Superga: ladri in fuga a mani vuote Nuova rissa al porto: 17enne di Bisceglie gravemente ferito con una bottiglia, fermato un giovane di Trani Rissa al porto e sicurezza, Persia (Consap): «Tavolo sulla legalità mai partito, il sindaco di Trani si dimetta» Incidente mortale fra Trani e Barletta, il responsabile aveva un tasso alcolemico cinque volte tanto. Stabile il marito della vittima Cattedrale di Trani, fondi insufficienti: campanile liberato, ma «bicolore». E, sulla sommità, ci sarà davvero un parapetto VIDEO. Trani religiosa, la festa in onore della Addolorata Camporeale, guizzo da tre punti: Casarano-Trani 0-1. Primo bilancio: due su due, più la coppa Apulia Trani, tesserate Alessia Cardone e Nicoletta Di Grazia Lega Navale Trani, prestigiosa partecipazione all'Offshore World Challenge Caso Supercinema e molto altro: è in edicola il nuovo numero de «Il giornale di Trani».
PUBBLICITA' Angiolillo