Dehors a Trani, Montaruli: «Non è vero che la Soprintendenza ha approvato il regolamento»

La soprintendenza di Foggia e Bat non usa mezzi termini per ribadire che: «Non è agli atti alcun regolamento dehors formalmente condiviso con il comune di Andria, ai sensi dell’art. 52 del D.lgs. 42/2004».

La Soprintendenza lo scrive per ben due volte e lo fa evidenziandolo in grassetto nella nota di risposta alle richieste formulate dall’unica associazione di categoria che, per il bene degli esercenti e per evitare tutto ciò che purtroppo è accaduto in seguito al lassismo ed alle inadempienze dell’amministrazione comunale, si è attivata presso la Prefettura Bat la quale, a sua volta, ha richiesto i chiarimenti alla Soprintendenza che ha risposto sia al Prefetto che a Unimpresa. Una sottolineatura da parte della Soprintendenza quasi a significare la netta presa di distanze da tutto quanto accade in quei comuni dove la concertazione prevista dalla norma con la Soprintendenza è stata completamente interrotta o addirittura omessa. La nota di risposta della Soprintendenza è chiarissima e ripercorre tutto l’iter che ha interessato le vicende delicatissime della città di Andria e della sua amministrazione in relazione al caso dehors.

Dalla lettura integrale della nota, cosa ben diversa da sommarie valutazioni polisindacali o parapolitiche, emergono con chiarezza omissioni, incertezze, distrazioni e persino elementi che potrebbero essere indice di valutazioni più profonde e di carattere ancor più rilevante se si pensa alla condizione in cui sono stati portati, esasperandoli, gli esercenti andriesi sottoposti anche a verbali, diffide e altri provvedimenti i cui esiti sono ancora oggi molto incerti, con il comune di Andria che non ha rilasciato i rinnovi delle autorizzazioni, rischiando di fatto anche il danno erariale per i mancati introiti Tosap.

Un pasticciaccio tutto in salsa andriese. Altro che minimizzare e far finta di nulla. La Soprintendenza afferma, altresì, che: «In merito alla situazione negli altri comuni della Provincia Bat e, per quanto riguarda gli atti di questo ufficio, si segnala che risultano condivisi, ai sensi dell’art. 52 del citato Codice BB.CC. i regolamenti dehors dei soli comuni di Barletta e Canosa di Puglia», precisando che per quanto riguarda il comune di Barletta il regolamento condiviso è esclusivamente quello riportante il parere favorevole della Soprintendenza nr. 605 del 13 gennaio 2012 e non altri.

Il sottoscritto, attento osservatore e promotore degli odierni chiarimenti che hanno portato alla significativa nota della Soprintendenza datata 18 gennaio 2019, giunta via Pec l’altro giorno a Unibat, al Prefetto e al Sindaco di Andria, ha dichiarato che non ci sono ulteriori parole da aggiungere a quanto affermato dalla Soprintendenza e l’alone di mistero che ha attorniato l’intera vicenda dehors ad Andria la dice lunga come l’amministrazione comunale abbia trattato argomenti così delicati cagionando danni enormi agli esercenti e alle casse comunali.

Il consiglio comunale prenda atto di questa nota chiarendo al Prefetto ed alla stessa Soprintendenza, cui la presente viene altresì inviata, tutto quanto accaduto e a causa di chi e soprattutto cosa stia accadendo ora in città visto che la Soprintendenza continua a sostenere la sua esclusione, di fatto, dal processo che avrebbe dovuto portare all’approvazione di un provvedimento condiviso; cosa che non è accaduta ad Andria ma che, invece, è accaduta a Canosa di Puglia ed a Barletta dove l’allora Soprintendente, dott.ssa Bonomi, ha seguito direttamente l’iter concertato, che ha coinvolto anche tutto il mondo associazionistico locale e gli ordini professionali, oltre che i cittadini.

Andria tutto questo, nel corso degli anni, non lo ha fatto o lo ha fatto solo sommariamente, in un recente momento fuggente, per ottenerne condivisione ma la condivisione di merito di un provvedimento non coinvolge in responsabilità che sono ascrivibili all’Ente e non ad altri.

Anche in merito al regolamento dehors della città di Trani sia io che ordini professionali, avevamo sollevato moltissimi dubbi formalizzandoli anche a mezzo stampa. In quel caso veniva affermato che quel regolamento fosse stato condiviso e validato da parte della Soprintendenza ma questo viene categoricamente escluso nella nota della stessa. Perché dunque a Trani si sono affermate cose che non corrispondono ai fatti? E in tutti gli altri comuni della Bat che non sono Canosa di Puglia e Barletta cosa sta accadendo? A Bisceglie esiste un regolamento dehors? Perché non è stato condiviso con la Soprintendenza? E a Margherita di Savoia ed in tutti gli altri comuni?

In caso di controlli, anche da parte dei Nas, come avvenuto giorni fa a Bari, cosa accadrebbe? Perché mettere gli esercenti in condizioni di essere multati pesantemente, inconsapevolmente? A chi ha giovato questo stato di enorme confusione e di disorientamento generale? Domande pesantissime che ora devono ricevere risposte immediate, per evitare una strage amministrativa che comporti un dramma per tutti gli esercenti che hanno sempre seguito le linee dettate dalle amministrazioni comunali. Ma quelle linee, poi, non hanno trovato riscontro nei principi di legalità e di corretta prassi amministrativa, con tutte le conseguenze del caso.

Il presidente Unibat – Savino Montaruli

(Foto dal web)

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Ufficio 2000

Notizie del giorno

Sabato 23 febbraio al Dino Risi di Trani "Francesco Greco Ensemble". Biglietti già disponibili Parrocchia Spirito Santo di Trani, stasera la ventesima edizione del festival "Don Bosco" Trani, pubblicato il bando per il festival “Il giullare”. Candidature fino al 19 maggio Tetto in amianto dell’ex Supercinema di Trani, presentato progetto per la rimozione Teatro a Trani, mercoledì 20 febbraio Bianca Nappi con “La sua grande occasione” Amministrazione di Trani, Uva (Associazione Buongoverno): «Solo annunci, niente di concreto» San Valentino senza freni: per far colpo sull'altra metà, deturpa la Cattedrale di Trani Vigor Trani, test importante contro la Fortis Altamura. La gara verrà trasmessa in TV San Marco Argentano-Trani: obiettivo, vincere per «rivedere» la salvezza Fortitudo seconda e Juve Trani quarta? Sembra quasi certo, e allora potrebbe essere un derby senza pensieri Bisceglie-Trani vale una stagione: questo sabato quasi una finale Geda Volley Trani, il punto sui campionati Sistema Trani, i legali di De Feudis e Ruggiero chiedono il proscioglimento: «Accuse spropositate e già in parte decadute» Ex ospedale di Trani e pronto soccorso, i chiarimenti del consigliere regionale Santorsola Emiliano riduce l'ecotassa in Puglia e Laurora tira un sospiro di solievo per Trani: «Risparmieremo 5 euro per tonnellata e la Tari non aumenterà» Crisi olivicola, il Comune di Trani scrive al Ministero delle politiche agricole. Se ne discuterà anche nel prossimo consiglio comunale Crisi olivicola, anche la Regione Puglia al fianco degli agricoltori Giornata di raccolta del farmaco, nella province di Bari e Barletta-Andria-Trani raccolti 12.222 medicinali Esce “Overbooking”, il secondo album del rapper di Trani Gio Fal. Disco prodotto dal dj Krispino "Metti un libro a teatro": in scena oggi, a Trani, "Ulisse ed io" Santo Graal di Trani, questa sera tributo ai Subsonica Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana “InPuglia365”: alla Fondazione Seca di Trani un fine settimana ricco di iniziative Domenica prossima al Polo museale di Trani l'evento “Fashion family” "Venerdì a teatro" all'Impero di Trani, nuovo appuntamento il 22 febbraio con "Napoli milionaria" Oggi, a Trani, presentazione del libro "Pan, racconto di una vita" Oggi, a Trani, presentazione della legge contro lo spreco alimentare Oggi, a Trani, la presentazione del libro di Alessandra Macchitella, "Santa" Domani, a Trani, presentazione del libro di poesie di Silvana Kühtz, “Manuale di fisica ostica” È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Off» AGGIORNATO. Incidente fra Trani centro e sud: tre auto coinvolte ma feriti lievi. Traffico bloccato San Valentino, il Trani femminile lo dedica al prossimo: ripristinato il bagno per diversamente abili dello stadio comunale Donazione degli organi a Trani, dal 14 febbraio 2017 ad oggi i donatori sono 152 San Valentino, la poesia di Franco Pagano in dialetto tranese Strade di Trani, dopo le piogge è emergenza in via Sant'Angelo Di Maio resta procuratore di Trani: il Csm lo conferma a maggioranza Trani, approvato il Piano di prevenzione della corruzione. Osservazioni entro il 28 febbraio Servizio di spedizione della corrispondenza del Comune di Trani, indetto bando biennale Rete ferroviaria italiana, arriva l’app per disabili che scelgono di viaggiare in treno Cardioprotezione a Trani, la Polizia locale avrà tre defibrillatori Raccolta differenziata in alcune strade di Trani, martedì prossimo incontro informativo al Comune
PUBBLICITA' Avicola Colangelo