Villa Turrisana, sequestro e inchiesta furono legittimi: il Tribunale di Trani assolve tre imputati e chiede di procedere contro un progettista per falsa testimonianza

Assolti «perché il fatto non sussiste»: dunque, l'inchiesta su Villa Turrisana fu condotta correttamente e legittimo fu il sequestro del bene, eseguito il 13 ottobre 2011 dalla Polizia locale quale organo di polizia giudiziaria delegato dalla Procura della Repubblica di Trani.

Così si è espresso il presidente della Sezione penale del Tribunale di Trani, Giulia Pavese, nella sentenza che ha scagionato gli imputati Antonio Modugno (ex comandante della Polizia locale), Antonio Recchia (consulente tecnico di ufficio) e Giovanni Bruno (maresciallo della Polizia locale, oggi in quiescenza) dai reati di falso ideologico in concorso. A Modugno veniva contestato anche il tentato abuso di ufficio, insieme con il falso ideologico.

La vicenda è quella del sequestro penale di Villa Turrisana, antica residenza nella omonima contrada sita nella periferia sud di Trani, oggetto di lavori di restauro conservativo per trasformarla in attività ricettiva.

A seguito di sopralluoghi, dell'Ufficio tecnico comunale, prima, e del Comando della polizia municipale, poi, si riscontrarono invece difformità significative tra i lavori eseguiti, al primo piano ed al vano ascensore, e quanto previsto nel permesso di costruire.

Difformità consistenti nella demolizione di quasi tutto il livello intermedio tra primo piano e piano suppenne (tranne alcuni muri perimetrali), con costruzione di nuovi pilastri e travi in cemento armato, nonché la diversa realizzazione del vano ascensore, in cemento armato, rispetto al progetto autorizzato.

Pertanto, con ordinanza dirigenziale del 15 settembre 2011, il dirigente dell'Utc, Giuseppe Affatato, disponeva la sospensione dei lavori.

Poi sarebbe arrivato il sequestro, secondo quanto accertato proprio dalle indagini svolte dalla Polizia locale, quale organo di Polizia giudiziaria delegato dalla Procura della Repubblica di Trani, supportate dalla relazione del consulente tecnico d'ufficio, avrebbero determinato una ristrutturazione dell'immobile in difformità rispetto al permesso di costruire rilasciato dal Comune.

Tale circostanza è stata affermata in sede amministrativa prima dal Tar Puglia e poi dal Consiglio di Stato, includendo anche il rigetto di un'istanza di sanatoria presentata dalla società committente dei lavori.

Il processo penale sulla vicenda, parallelo ai procedimenti amministrativi, aveva invece visto assolti dall'accusa di abuso edilizio i quattro imputati: Erica Ann Raguseo, amministratrice della “Gavetone srl”, committente dei lavori e titolare del permesso di costruire; Leonardo Curci, amministratore della “Tecnogest snc, società esecutrice delle opere in conglomerato cementizio armato; Ugo Betti, progettista architettonico e direttore dei lavori sino al 18 giugno 2011, (data in cui rimise il mandato per assumere la delega di assessore comunale all’urbanistica, ndr); Angelo Antonio Iannelli, progettista architettonico e dei lavori dal 18 luglio 2011.

Gli stessi, a maggio 2015, avevano chiesto ed ottenuto il rinvio a giudizio di Modugno, Recchia e Bruno, ipotizzando a loro carico l'abuso di ufficio in concorso e, per Modugno, l'abuso d'ufficio ed il falso ideologico.

Secondo il pubblico ministero, Silvia Curione, i tre avevano accertato la realizzazione di opere strutturali, non conformi al progetto depositato al Genio civile di Bari, nonostante all'epoca del presunto accertamento non fosse stato ancora acquisito il progetto rispetto al quale l'opera si assumeva come difforme.

Peraltro, con particolare riferimento a Modugno, si ipotizzava una situazione di evidente e consapevole incompatibilità rispetto alla posizione dell'ingegner Betti, il quale, da assessore, si era opposto in giunta all'atto di indirizzo per la stabilizzazione dello stesso Modugno, dirigente facente funzioni della Polizia locale, e del collega dell'Ufficio tecnico, Giuseppe Affatato.

Modugno, dunque, avrebbe condotto l'inchiesta su Villa Turrisana per una sorta di rivalsa nei confronti di chi gli aveva impedito di diventare dirigente a tempo pieno ed indeterminato del Comune di Trani, «colorando - si legge testualmente nel suo rinvio a giudizio - in termini di rilevanza penale l'intervento posto in essere da Betti».

Al termine dell'ultima udienza del processo, tenutasi l'altro giorno, cui erano presenti tutte le parti civili, il presidente della Sezione penale del Tribunale ha invece desunto che le posizioni di Modugno, Recchia e Bruno non fossero penalmente rilevanti, assolvendoli perché il fatto non sussiste.

Inoltre, e soprattutto, ha ordinato la trasmissione degli atti al pubblico ministero, ravvisando indizi del reato di falsa testimonianza a carico proprio di Betti.

Entro novanta giorni avverrà il deposito della motivazione della sentenza. Modugno era difeso dall'avvocato Claudio Papagno, Recchia dall'avvocato Giacomo Ragno, Bruno dall'avvocato Luigi Puca.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Incos

Notizie del giorno

Bitumazione delle strade di Trani, aggiudicato ad un'impresa di Andria il secondo lotto di lavori Differenziata porta a porta in tutta Trani, tre offerte complessivamente pervenute a chiusura delle gare per attrezzature e mezzi Lima (Fdi): «Incomprensibile annunciare come straordinario il lavaggio delle strade, già pagato dai cittadini. Nacci: «Ma è una igienizzazione» Notte azzurra, rievocazione della vita di San Nicola, «macchina» in piazza e «Chiave della città»: la festa patronale di Trani è pronta. Spesa, 30mila euro Festa patronale di Trani, l'anticipazione di una scena della rievocazione della vita di San Nicola Agricoltura, al Comune sarà attivo uno sportello gratuito curato da periti agrari Distretto urbano del commercio, oggi in sala Giunta la presentazione del portale Smart Duc «Tranisexy '70»: allo Scoglio di Frisio, questa sera, un tuffo nei film che una volta si giravano in città Estate di Trani, da domani a domenica si vola in mongolfiera È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Buona salute» Domani, al Santo Graal, il recital musicale sulla storia di Domenico Modugno Divertirsi con Xiao Yan in tour per Trani: «La città che gioca» tornerà, oggi, a largo Goldoni "Logos Festival", domani al parco Santa Geffa parte la rassegna teatrale con «I gemelli di Krimisa» Estate tranese, ritorna “Raccontando sotto le stelle”. Domani penultimo appuntamento al Jobel A villa Guastamacchia la rassegna estiva “Aperti per ferie”, a cura di Auser Trani. Domani il duo Anastasia-Sgherza Al Polo museale di Trani prosegue fino al 4 agosto la mostra del fumettista Disney Giuseppe Sansone Non ci si perde in un labirinto se, a guidarci, è l'arte: a Palazzo Beltrani, fino al 6 settembre, la mostra «Imaginarium» Biblioteca Bovio di Trani, estate ricca di appuntamenti per bambini. Si prosegue fino al 26 luglio Trani T’Incanta, ritorna Calice di San Lorenzo con un doppio appuntamento. Festa della birra e volo in mongolfiera tra le novità "Trani T'Incanta", tra gli appuntamenti tante mostre fotografiche Sei cartelli in 150 metri: Colonna, adesso tutti sanno dell'ordinanza di divieto di balneazione «post piogge» del sindaco di Trani Trani religiosa: Festa della Madonna del Carmine, le immagini di processione e fuochi Festa patronale, oggi la presentazione del programma. Ecco il video che la anticipa Boccadoro, le precisazioni di Legambiente: "La contaminazione della foce non equivale a pregiudizio della balneabilità" Stadio, Palazzetto e Pala Ferrante: dal 19 agosto saranno affidati i servizi di custodia e pulizia. Fino a quella data rimarranno chiusi Unica in Italia, la mostra "Imaginarium" arriva a Palazzo Beltrani. Il sindaco Bottaro: "Puntare sempre sul turismo culturale" Festival Il Giullare, presentata l'esposizione "Oltre i pregiudizi" sulla violenza di genere e pazienti psichiatrici Foro di Trani, l'associazione dei giovani avvocati ha un nuovo presidente: è Riccardo Giorgino Concorsi Amiu, Tommaso Laurora (Iic): «Troppo restrittivo il requisito di accesso per alcune figure» Nel musical "Singin’ in the rain" protagonisti i tranesi Giuseppe Verzicco e Mauro Simone “Musica fra le stelle”, a Trani brillano i ragazzi de “Il preludio”
PUBBLICITA' Studio Clima